La machina

Un ragazzo e una ragazza si scambiano qualche parola, spinti dal caratteristico tedio pendolare e forse, a guardarli bene, anche da un principio di reciproca attrazione:

Lui: “Ho fatto ventisei anni l’altro ieri, mo me so’ fatto ‘sta casso de machina ma lavoro solo pe’ quella, mpratica. Er bollo, l’assicurazione, la benzina. Mpratica dello stipendio me restano cinquanta euro pe’ fa’ spesa, pe’ compra’ il latte e du’ sofficini. Vado a lavora pe’ sta machina demmèrda. Ché poi a lavoro guarda come casso devo anna’ vestito, me paro un cojone, ‘sti pantaloni manco so’ i mia, io i mia non mii posso mette che so’ strappati davanti, alla moda. Ma io lavoro a via Veneto e me rompono rcasso.”

Lei: “Ma ammazza, dici un sacco de parolacce tu, eh?”

Lui: “Parolacce? No! Ma che c’entra, questo è dialetto italiano. La sera me devi senti’, quando so’ stanco e bestemmio tutti i santi che te possono veni’ in mente.”

Lascia un commento

Privacy Policy

Seguici sui Social :-D

Facebook
Facebook
LINKEDIN
INSTAGRAM